MotoGP 15 Recensione PS4

MotoGP 15

MotoGP 15 Recensione PS4

Si lo sappiamo benissimo, abbiamo sforato di circa 3 mesi con al recensione di MotoGP 15, ma come si dice, meglio tardi che mai. Forza dai iniziamo con la recensione della versione PS4.

La nostrana software house con questo capito ha fatto passi da gigante, e considerate che con i titoli a cadenza annuale è molto difficile. Millestone praticamente ha miglorato, in modo graduale tutti i reparti del gioco donando al titolo una ventata di arica fresca. Questo è il terzo capitolo della serie MotoGP che la casa milanese lancia sul mercato e ancora una volta è riuscita a migliorare tutto quello di buono che già c’era nel precednte capitolo. Ma passiamo alla ciccia, il gameplay di questo titolo è eccezionale, inizialmente potremo decidere, o meno, se intraprendere un tutorial, per prendere confidenza con il sistema di guida e iniziare a conoscere le meccaniche in generale. Fatto questo potrete iniziare a crearvi il vostro personaggio, inizialmente con le solite limitazioni nella scelta delle tute, caschi e guanti da indossare, che poi verranno sbloccate facendo progressi nel gioco.

ss_bb8c332e16a30b230dad76894e48db28f13094fd.1920x1080

La software house italiana ha dimostrato di aver lavorato alla grande, dandoci la possibilità di modificare le moltissime impostazioni presenti nel gioco, infatti è possibile modificare anche la difficoltà dell’intelligenza artificiale, le meccaniche della moto: standard, semi pro e pro, la frenata assistita, la possibilità di rendere o meno evidenti danni o il consumo effettivo delle gomme. Per iniziare ho provato a fare un giro nel gran premio singolo e in generale tutto mi è sembrato veramente fruibile e molto intuitivo, Milestone ha messo dei settaggi di base standard, ma niente paura si possono cambiare. I piloti, le moto e gli sponsor sono identici alle loro controparti reali. Da buon tifoso ho subito provato la Yamaha di Valentino Rossi e vi assicuro che MotoGP 15 permette un’esperienza di gioco unica, e oserei dire anche : “senza precedenti”.

motogp_15_7

Grazie alle impostazioni MotoGP 15 abbraccia tutti i giocatori, Casual e Pro, infatti ognuno può farsi la sua esperienza di gioco a seconda della propria abilità. Milestone ha reso MotoGP 15 un titolo divertente e soprattutto molto stimolante. Il gioco dà la possibilità di partecipare a gran premi singoli e vere stagioni, utilizzando un pilota reale o uno creato da noi. La modalità offline più importante e sicuramente la carriera, e come potete immaginare non si inizierà ai vertici, ma dalla Moto 3. La decisione se affrontare gare libere o gare di qualifiche oppure solamente i gran premi senza qualificazioni spetterà a noi, anche se il consiglio è quello di fare tutto e per bene, visto che la differenza tra Moto 3 e MGP si fa sentire molto.

moto-gp15

Il giocatore per avanzare e aspirare a nuove esperienze nelle categorie superiori deve migliorare i risultati, senza perdere il proprio posto, per raggiungere gli obiettivi imposti dal team. E’ sempre bene provare l’assetto delle moto, e in caso modificarlo con l’aiuto del proprio ingegnere attraverso domande preconfigurate, prima di ogni qualifica o gran premio. Da segnalare la modalità eventi reali, che fa ripercorrere gli eventi più spettacolari della stagione 2014, come ad esempio il contro sorpasso di Marquez nei confronti di Valentino Rossi. Tutti gli eventi non saranno disponibili fin da subito, ma si sbloccheranno man mano che avanzerete di livello. E per non farsi mancare niente c’è pure una modalità in cui dovremo battere il record mondiale dei vari tracciati ufficiali.

motogp-15-pc-playstation-3-playstation-4-xbox-360-xbox-one_265781

Presente anche la modalità online, che vi permetterà, creando una stanza, di prendere parte ad una partita veloce. Nella modalità Sprint Season oltre che a vincere si possono accumulare punti preziosi, che vi permetteranno di salire di grado e di categorie. Partirete dalla Moto 3 fino ad arrivare alla MotoGP. Lo scorso anno, avevo avuto l’occasione di testare e recensire la versione Xbox 360 di MotoGP 14. La differenza grafica tra MotoGP 14 e 15 si vede, e come se si vede. Il 15 ha una grafica assolutamente più curata, più effetti, più pulizia e più fluidità in generale. Per quanto riguarda le moto, le animazioni, le piste e le condizioni atmosferiche diverse, si vede che il lavoro è stato fatto più che bene, anche gli effetti luce e ombre sono ottimi, anche se qualche imperfezione a livello visivo dei dettagli circostanti si nota. Infine, oltre a farvi immergere su tutti i circuiti ufficiali del Motomondiale, da sottolineare la presenza del mitico Guido Meda, che commenta la nostra gara sin dall’inizio introducendoci su ogni tracciato, informandoci sulle temperature atmosferiche etc.

x1_motogp15b

Conclusioni:

“In generale Motogp 15 anche se non ha rivoluzionato ha fatto molti, e ottimi, miglioramenti come: Gameplay più simulativo, Fisica PRO, Grafica migliore, Sonoro buonissimo e tante Modalità Single Player. Con un titolo a cadenza annuale non ci si poteva aspettare una rivoluzione. Motogp 15 ha delle modalità single player veramente soddisfacenti. Buone pure le modalità online, seppur al di sotto di quelle in single player, anche se devono essere rese più appetibili. Per concludere Motogp 15 è un prodotto divertente, longevo e adatto a tutti, se siete dei fan aggiungere mezzo punto al voto finale.”

Voto:
8.5/10

About the author

Redwind

Fin dai primi anni 80' ho cominciato ad interessarmi di videogames e Computer. Le console le ho provate quasi tutte, sono partito con una Intellivision (passando per Commodore 64, Amiga 500 e PC) e non mi sono più fermato. Oggi continuo sempre a giocare con le console e a lavorare coi PC, mi tengo aggiornato sul campo Hi-Tec e coltivo più che mai le mie passioni di WebMaster e Editor.