A tu per tu con Giorgia Vecchini

Intervista di Luca Castronovo a Giorgia Vecchini famosa cosplayer conosciuta in tutto il mondo.

Ciao Giorgia e benvenuta tra i Paladini del Videogioco


Dove nasce la tua grande passione per il cosplay ?

Ho iniziato nel lontano 1997 che ero una ragazzina a Lucca Comics …molti dei vostri lettori probabilmente non erano ancora nati, ma del resto questo significa essere i pionieri in qualcosa no?Spinta soprattutto da uno spirito di emulazione verso quei ragazzi che vedevo trasvestiti per giocare di ruolo ( soprattutto charachters fantasy e vampiri), insieme agli amici decidemmo che se loro potevano trasvestirsi così, perchè non farlo con i personaggi degli anime dei videogame che tanto amavamo?
Il fatto che non esistesse ancora una codifica a questa passione in quegli anni, la dice lunga su quanto io e i miei compagni di avventura l’abbiamo di fatto vissuta dagli albori e contribuito a dargli una fisionomia anche qui nel Belpaese. Pensa che al tempo dicevamo “facciamo il costume per…” perché non esisteva il termine “cosplay” ; scoprimmo solo qualche anno dopo con la diffusione virale di internet, che questa passione già esisteva sia in America che in Giappone e aveva degli specifici tratti caratteristici. Poi arrivarono le gare..i primi cosplayer pro..e il resto e storia. Fare cosplay per me era nell’ordine naturale delle cose. Ho sempre amato l’animazione giapponese fin da bambina, in maniera viscerale e totalizzante, e ho iniziato con il teatro intorno ai 16 anni. Cosa c’era di meglio di un hobby che potesse coniugare così splendidamente ambo queste mie inclinazioni?

Sappiamo che ti piacciono i video games e tutto il mondo del fumetti. Il tuo video games preferito e fumetto ?

Il mio gioco preferito di tutti i tempi e’ sicuramente Wonderboy, anche se non è l’unico retrogame che mi è rimasto nel cuore (e il cabinato PandoraBox che ho in taverna lo sa bene). Per quanto riguarda i giochi di questa generazione, mi appassionano le atmosfere sognanti dei giochi di Fumito Ueda: ho finito Ico, Shadow Of The Colossus e The Last Guardian rimanendone sempre incantata.
Sul fronte fumetti credo che Rat Man del bravo Leo Ortolani e Bone di Jeff Smith prendano decisamente la testa nella mia classifica.
Se invece parliamo di manga, il podio e’ occupato in ordine sparso da Glass No Kamen (da noi “Il Grande Sogno Di Maya”), Black Jack, e Rough.

Nel mondo dei cartoni hai interpretato tanti personaggi. Il tuo preferito ?

Difficile scegliere tra i propri figli…posso dire che sicuramente ad alcuni sono più affezionata, come ad esempio a Sailor Pluto, un po’ universalmente riconosciuto come mio cavallo di battaglia, ma anche altri mi hanno dato molte soddisfazioni come Wonder Woman o il Barone Ashura di Mazinga con cui ho stretto la mano al suo creatore Go Nagai, Mai Shiranui di Kof ecc.

Come mai nel tempo si è diffusa l’arte del cosplay ?

Nel corso degli anni praticare il cosplay è diventata una moda come ce ne sono tante, era inevitabile, ma per me, che come tanti arrivo dalla vecchia guardia, fa sicuramente te un po’ specie. Prova ne sia anche il diverso atteggiamento con cui ci si accosta alla notorietà che il cosplay può offrire. Prima l’unico mezzo era farsi conoscere con costumi di un certo livello, era partecipare a contest blasonati, proporre set fotografici curati ed esibirsi con delle buone performance, per portare a casa un premio importante. Ora, da molti cosplayer, le gare sono piuttosto snobbate, in favore di una manciata di like facili sui social che si possono ottenere mostrando più o meno centimetri di pelle scoperta e pose ammiccanti. Discorso che vale per ambosessi. Da questo punto di vista mi sento ancora una mosca bianca, continuo, salvo rari casi in cui mi sono espressamente richiesti, a cercare e realizzare costumi di personaggi che amo davvero e che mi hanno dato qualcosa. Il cosplay è il mio modo di rendergli omaggio.

Ti ritieni una sexy symbol ?

Assolutamente no, aver fatto qualche costume più sexy di altri non mi rende certo tale.

Nelle fiere ormai vai ovunque; ma il posto più bello che hai visitato ?

A parte il Giappone che, beh era il mio sogno, ed ogni volta che torno oramai sono 12!) per me rimane sempre tutto magico, ho un bel ricordo delle ospitate in Messico, la visita alle piramidi a Teotihuacan e del viaggio in van attraverso il deserto fino alla città di Guadalajara.

Da grande continuerai in questo mondo ?

La mia vita, il mio lavoro, anzi i miei lavori gravitano da sempre intorno al mondo della scrittura e della voce e il cosplay, con la sua parte recitativa ha fatto e fa parte di questo processo creativo. Di sicuro non starò a realizzare costumi fino a 50 anni, ma mi piace pensare che resterò comunque nell’ambiente che ho visto nascere e crescere e cui cui io stessa ho contribuito a formare, come conduttrice eventi, cosa che già da anni faccio, consulente , organizzatrice ecc.

Cosa significa essere una nerd ?

Anche se ora l’aggettivo in sé ha assunto connotazioni non più negative come poteva essere in principio (da secchione sfigato fissato con fumetti, videogames e alcuni film), ma decisamente più mainstream ( appassionato della cultura pop in genere), credo di essere sempre stata nerd. Fin da quando da piccola, terminata la puntata dell’anime del momento, passavo le giornate a disegnare e recitare ad alta voce i prosegui ideali che mi inventavo io. E non era solo un’attività puerile, per me diventavano vere e proprie ossessioni, nel senso positivo del termine..erano e sono i compagni di una vita con cui sono cresciuta. Prima ancora di essere una cosplayer, racimolavo già quel poco che si poteva trovare in giro relativamente ad anime manga ecc. Essere nerd è avere passioni veramente forti che ti portano a collezionare e a vedere e rivedere le tue serie preferite, conoscerne le batture a memoria, sfidarti con gli amici a suon di citazioni, videogame, disquisire per il semplice gusto di farlo su what if ed universi alternativi dove si muovono i personaggi che ami. Potrei continuare per ore , ma sono stata molto più specifica nell’intervista “Galassia Nerd” che potete trovare sulla mia pagina fb, se vi va di dare un occhio è molto interessante.

Tornando ai videogame; delle console attuali quale ti intriga di più ?

Premetto che gioco su tutte e tre le piattaforme principali (PS4, XBOne e Switch), ma devo dire che la XBox One sembra quella che più si concentra sul concetto tradizionale di videogioco.
Il che non è di per se’ ne’ un bene ne’ un male, dipende ovviamente da quali giochi questa scelta, con la possibilità di focalizzare maggiormente gli sforzi, porterà alla luce.
Dall’altro canto uno si mette addosso il visore PSVR della PS4 e sogna immediatamente di poter entrare nell’OASIS di Ready Player One, anche se per adesso si tratta di un’operazione decisamente “imbrigosa”, con tutti quei cavi che fanno un po’ rimpiangere l’immediatezza non solo della console descritta nel libro di Cline, ma anche del vecchio “mi siedo sul divano, accendo e gioco”.
E poi c’e’ Nintendo con questa idea del Labo che li’ per li’ avevo dismesso come un cambio di materiale dalla plastica del Wii al cartone, finche’ non ho visto la pubblicità del kit per trasformarsi in un robot.
Il prezzo è ancora un po’ troppo alto per i miei gusti, ma l’idea apre prospettive decisamente intriganti per il videogioco che poi e’ quello che mi interessa di più, al di la’ della piattaforma (che sarebbe un po’ come dire che mi piace il cinema, indipendentemente se me lo devo vedere su VHS, DVD o Betamax)

I tuoi fans dove possono seguiti ?

Sulla pagina Facebook: Giorgiacosplay
Sul mio sito internet: www.giorgiacosplay.com
Su Twitter: @Giorgia _ Cosplay
Su Instagram : Giorgiacosplay

Ti vedremo presto in altri progetti a breve ?

Il più importante e imminente sarà quello che mi vede coinvolta assieme al mitico Leo Ortolani, in un numero speciale fuori collana di Rat -Man, intitolato Rat-Boy, una parodia della famosa rivista che non ha bisogno di presentazioni, e che sarà presentato in anteprima al Comicon di Napoli e poi in tutte le edicole e fumetterie; non perdetelo mi raccomando!

Grazie per essere stata con noi !!!

A seguire alcune sue foto:

Redazione